La tenacia del Salento sono le cantine, galleria di sorprendenti aromi e colori.
Al buio della penombra riposano le botti, custodi tenaci del prezioso frutto delle viti. Nelle cantine salentine si può ascoltare la storia raccontata dal vino, inchiostro indelebile di deliziosi sapori.
Varcando le loro soglie si scoprono bottiglie e storie, su ogni bottiglia un nome, emblema di significati e pagina di sorsi. Sono questi luoghi che offrono un tour sorprendente, denso di uve e procedimenti, acini e mosto, rossi e rosati, bianchi e ambrati segreti.
La tenacia delle cantine del Salento è la specialità dei vini che esse producono e offrono, un panorama ricco e straordinario di varietà che regala frizzante gioia di vivere, ma anche serenità e armonia.
Nel Salento la cantina è archivio dei sapori, cantiere aperto del gusto dove si possono percorrere le proposte vinarie e brindare alla bellezza della Terra. Ce ne sono tante, numerose. Ognuna è un mondo, ognuna è goccia di un mondo, quello della produzione dei vini salentini, ognuna è da esplorare, con i suoi prodotti, con il suo mistero, per portare a casa il segreto della pazienza e dell’attesa. In questi templi del vino si sta in silenzio e si ascolta il gusto, autore di leggiadre sensazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui