Nell’estremo Sud d’Italia, incastonato tra i due limpidi mari dello Jonio e dell’Adriatico, spennellato di macchia mediterranea, splende e respira il Salento, terra di ricordi e profumi, colori e arcaiche tradizioni. Case bianche appollaiate sui borghi di mare, ringhiere di fichi d’India a picco sulle selvagge coste riempiono lo sguardo e calmano l’anima. Conoscere il Salento significa fermarsi nel tempo, parlare con il vento, passeggiare lungo i filari di viti, con i piedi scalzi sulla terra, gustare un bicchiere di vino in mezzo all’aia soleggiata di un’antica masseria, sotto il sole che spacca i fichi e fa rosolare i grappoli. Il Salento, tallone d’Italia, è terra impregnata di forza e amore, terra di sfide contadine e braccia inesauribili di fatica.
Sotto gli alberi di ulivi contorti dai secoli e sui binari dei filari si odono le voci degli antenati, padri dell’olio e del vino, lampade e botti. In questo scrigno si possono trovare i tesori veri e autentici della vita: umiltà e coraggio, fiducia e creatività, musica ed emozioni positive, gioia e allegria, arte, storia e bellezza paesaggistica. Corti e barocchi portali spuntano inaspettati dietro stretti vicoli, chiese e fregiati campanili svettano sui tetti dei raggomitolati centri storici, scorci antichi e maestosi balconi, eleganti palazzi colmi di memoria. Cantine e osterie riempiono l’aria “ti li pittaci” e delle piazze, le note della pizzica attraversano le strade e pervadono l’atmosfera di un passato che nel Salento è in costante cooperazione con il futuro, padri e figli, mani e sguardi. Campagne e paesi, terra e mare, radici e ali, poesia e sogni…un viaggio tutto da intraprendere, un tuffo assolutamente da fare, per permettere alla propria anima di sentirsi limpida, lì ai bordi della splendida costa, dove l’acqua batte cristallina e suona.
Benvenuti nel Salento, bicchiere pieno di meraviglie!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui